6 aprile 2011 Stefano Guerra

I consigli per un’e-mail marketing di successo: intervista a Elisa De Portu di MagNews

L’e-mail marketing è uno dei principali strumenti di web marketing e per saperne di più abbiamo chiesto a Elisa De Portu, Marketing Manager di MagNews (partner di TSW Strategies per l’e-mail marketing), di rispondere ad alcune domande.

MagNews - E-mail Marketing Solutions

Partiamo dalle basi. Elisa, ci dai una definizione di e-mail marketing?

“L’e-mail marketing è uno strumento di marketing diretto: dà alle aziende la grande opportunità di comunicare con le persone in modo immediato, efficace e soprattutto personalizzato attraverso il canale e-mail. Oggi rientrano nell’e-mail marketing molti tipi di progetti, dalle newsletter che servono per tenere le persone informate su contenuti di interesse, alle DEM per promuovere prodotti/servizi, fino a veri e propri programmi di customer satisfaction: l’e-mail è un modo per curare la relazione in tutte le fasi.”

Quali sono i benefici per le aziende che decidono di investire in e-mail marketing?

“L’e-mail marketing professionale risponde a molti tipi di esigenze: le aziende oggi devono inviare messaggi e allo stesso tempo hanno bisogno di calcolarne l’efficacia. Per questo un software di e-mail marketing come il nostro è in grado non solo di spedire alti volumi di e-mail in pochissimo tempo, ma misura le performance delle campagne con una ricca suite di report.

I principali KPI (indicatori di performance) dell’e-mail marketing sono i tassi di apertura delle e-mail e i tassi di click: questi dati ci parlano del reale interesse dell’utente nei confronti della comunicazione, ma è solo l’inizio. Esiste un’altra serie di analisi anche per le strategie di medio-lungo periodo: per esempio, il tasso di crescita o decrescita del database. Questa informazione è importante perché ci dà un’indicazione sulla bontà del progetto di comunicazione e sulla forza del brand. Oppure possiamo valutare l’engagement: segmentando i database in gruppi di utenti attivi e inattivi, è possibile prevedere specifici programmi di fidelizzazione o recupero dell’attenzione. Infine, non bisogna dimenticare l’analisi delle conversioni. Per calcolare il ritorno sull’investimento, è necessario integrare la piattaforma per l’e-mail marketing con sistemi web analytics o CRM, a seconda di quali sono i sistemi già presenti in azienda.”

Quali sono i primi cinque consigli che daresti a chi vuole gestire con successo una attività di e-mail marketing?

“Partendo dalle cose semplici, i buoni consigli sono:

  1. Segmentare/Personalizzare. L’analisi del database è importante per costruire una comunicazione che sia rilevante per gli utenti. L’e-mail marketing oggi è una tecnologia molto potente e saper lavorare bene sui database può dare risultati davvero inaspettati.
  2. Analizzare i risultati. Il primo passo è leggere i dati fin dalle prime comunicazioni, quello che noi chiamiamo attività di tuning. Solo attraverso un monitoraggio costante degli andamenti è possibile intervenire per migliorare e/o correggere eventuali criticità.
  3. Dare importanza al contenuto. Gli utenti oggi premiano contenuti interessanti che siano di valore, nel web come nell’e-mail marketing. Dare alle persone qualcosa di utile, un servizio, significa mantenere alta la partecipazione e di conseguenza la fedeltà.
  4. Integrare. L’integrazione tecnologica è un fattore determinante affinché i risultati dell’e-mail marketing arricchiscano le informazioni che sono già raccolte in azienda, soprattutto sul piano del CRM e della web analytics.
  5. Non disturbare. Quando spedite alti volumi di e-mail, ragionate su un piano complessivo che tenga conto di tutti i punti di contatto con l’utente, soprattutto se la comunicazione parte da funzioni aziendali differenti. In caso di flussi molto intensi è possibile definire degli ordini di priorità in modo che la stessa persona non riceva troppe e-mail in un arco di tempo troppo breve.

 

Per chi vuole continuare ad approfondire, l’invito è di seguirci anche sul nostro blog sull’e-mail marketing, dove condividiamo best practice, consigli e aggiornamenti.”

Potrebbe interessarti anche:

TAG: digital marketing