19 marzo 2008 Lucia Vellandi

Search Engine Strategies New York – Giorno 2 in pillole

Per ora il SES ha mantenuto le promesse, è bellissimo avere la sensazione che la domanda non è più se e perché investire nel Search Marketing, ma quanto e come.

Un po’ di numeri:

  • circa 120 espositori sui 3 piani dell’area expo
  • nel 2006 il 40% del traffico web è andato ai primi dieci siti (contro il 31% del 2001) – dato citato da Nicholas Carr durante il keynote
  • 2 tipi di pubblico: esperti e addetti ai lavori, interessati alle presentazioni “di scenario” + principianti e rappresentanti di aziende che si affacciano al mondo dei motori di ricerca, ai quali sono rivolti molti dei seminari con un approccio concreto e orientato a dare le prime soluzioni per invogliare ad approfondire

 

Le citazioni del giorno:

  • “The World Wide Computer both liberates and controls us”, Nicholas Carr, autore del libro The Big Switch
  • “We are trying to rank only the most relevant stuff”, Jack Menzel, PM di Universal Search
  • “Universal Search is a nonsense”, spettatore che preferisce rimanere anonimo! :)

 

Gli spunti emersi sono tantissimi, soprattutto durante il panel su Universal Search, e sono difficilmente riassumibili in pillole. E’ una rivoluzione che ha e avrà sempre più un grosso impatto sul modo in cui tutti usiamo il motore di ricerca, e quindi un’enorme influenza sul nostro lavoro.

Domani ci aspettano due keynote che si preannunciano interessanti:

  • Gordon McLeod, presidente del Wall Street Journal Digital Network
  • Jason Calacanis, fondatore e CEO di Mahalo.com