24 maggio 2012 Francesco Boschian

L’E-Commerce in Italia: infografica & appunti di viaggio

Mercoledì 16 maggio ho visitato l’e-Commerce Netcomm Forum 2012,  evento all’altezza delle aspettative, con tutti i maggiori player del settore presenti per illustrare il mondo dell’e-commerce in tutte le sue sfaccettature.

Per riassumere l’attuale situazione del mondo degli e-commerce abbiamo raccolto in un’infografica i principali dati (grazie ad Alessandro e Mariangela per la collaborazione).

Infografica sullo stato dell'e-commerce in Italia
(cliccando sull’immagine potrai visualizzarla nelle dimensioni originali)

I numeri presentati sono chiari! In Italia c’è ancora timore verso l’acquisto online. La diffidenza nell’acquistare un prodotto senza prima poterlo toccare con mano, e la paura nell’utilizzo della carta di credito online sono tra le principali ragioni che rallentano lo sviluppo del mercato dell’e-commerce.

Si tratta però di un’area in forte crescita e con notevoli margini di miglioramento, soprattutto se confrontiamo i dati del bel paese con quelli Europei. Solo il 4% delle PMI italiane ha un e-commerce, e solo l’1% delle transazioni avviene online: le possibilità di crescita sono enormi.

Negli ultimi mesi abbiamo già assistito a una forte crescita e, benché scatenino sempre molte polemiche per il loro modello di business, credo che una parte del merito vada attribuita ai siti di couponing (Groupon, Groupalia, Let’s Bonus per citare i più famosi). Oltre ad essere degli e-commerce a tutti gli effetti hanno raggiunto masse di utenti elevatissime, riducendo la diffidenza degli Italiani ad utilizzare la carta di credito online.

Se poi a breve, come già successo nel turismo con l’Open Travel Alliance, si arrivasse alla definizione di un protocollo condiviso per la redistribuzione delle offerte sui vari portali/canali, sarebbe un bel salto in avanti.
Tornando all’e-Commerce Forum, durante la giornata sono emersi molti spunti interessanti dai vari speech, in particolare, su mobile & geolocalizzazione:

  • Groupon Now: nelle grandi città americane, dove la densità delle offerte è elevata, Groupon geolocalizza le offerte tramite mobile, ottenendo un’elevata conversione all’interno di un raggio inferiore ai 7 km;
  • Interessante anche la possibilità di scannerizzare il codice di un prodotto col dispositivo mobile per poi confrontarlo automaticamente con lo stesso prodotto venduto da altri merchant, e trovare il miglior prezzo nelle vicinanze;
  • Vuoi fare un test per capire come viene visualizzato il tuo sito sui dispositivi Mobile? Ecco Move Mobile il nuovo servizio offerto da Google;

 

Sul social commerce:

  • Alcuni esempi di Social Commerce sono FAB e Ejero;
  • Usare il social login come forma di login ai propri siti porta una maggiore interattività da parte degli utenti;
  • Agli utenti social va riservato un trattamento diverso rispetto agli altri utenti (promozioni specifiche, offerte particolari, ecc). Inoltre è necessario individuare gli influencer e stimolarli, facendoli sentire protagonisti;
  • E’ stato riscontrato che quando si parla di tasso di conversione dai social i numeri sono tendenzialmente bassi e in media minori rispetto al traffico proveniente dal sito standard. La crescita in termini di volumi di vendita tramite social è molto elevata ma i numeri assoluti sono ancora minimi. E’ quindi ancora troppo presto per dire se sarà veramente l’anno del “social media revolution” o se invece il social commerce rappresenterà solamente un ulteriore canale di vendita;

 

Sull’email marketing:

  • Il CTR medio e le conversioni sono tendenzialmente in calo a causa di invii massivi e uguali per tutti;
  • Risulta ormai penalizzante pensare alle newsletter come un invio di comunicazioni uguali per tutti, la nuova frontiera è la personalizzazione in base ai vari segmenti di utenti;

 

L’ideale (ancora utopico attualmente) sarebbe che le newsletter da comunicazioni 1 a N (ossia un’unica comunicazione da inviare a tutti) diventassero delle comunicazioni 1 a 1, customizzate sul singolo gusto del singolo utente.

E infine non potete perdere questo simpatico video pubblicato dagli amici di MAGNEWS, specialisti dell’e-mail marketing.

Appuntamento al prossimo anno per vedere se le promesse di crescita verranno rispettate!