24 ottobre 2008 Alessandro Mazzucco

Microsoft Days 2008 – Padova

Ieri si è svolta all’hotel Sheraton di Padova una delle 6 tappe previste dai Microsoft Days 2008, eventi divulgativi e promozionali che Microsoft dedica agli operatori dell’Information Technology. L’evento era suddiviso in due percorsi: il primo, Microsoft TechNet, dedicato ai sistemisti IT, ha affrontato i temi del Green IT (soluzioni orientate al rispetto dell’ambiente e al risparmio energetico) e delle tecnologie per la virtualizzazione e l’ottimizzazione delle risorse; il secondo, Microsoft MSDN, per gli sviluppatori, ha offerto una panoramica dei nuovi software Microsoft per la creazione di applicazioni, analizzando i vantaggi e spiegando in dettaglio le nuove tecnologie da utilizzare.

Io ho partecipato all’evento per gli sviluppatori, la cui agenda prevedeva 5 sessioni tenute da speaker Microsoft e 3 ulteriori sessioni serali di approfondimento tecnico (Community After Hour), con i membri della community XeDotNet in qualità di relatori.
Senza entrare nel dettaglio di ogni singola sessione, riporto quali secondo me sono le novità più interessanti per quanto riguarda lo sviluppo e l’utilizzo di applicazioni web, con un occhio di riguardo a quelle di tipo RIA (Rich Internet Application).

ASP.NET AJAX

A partire dall’uscita del .NET Framework 3.5, ed ancora meglio ora con il rilascio del primo Service Pack, l’ambiente di sviluppo Visual Studio 2008 permette un supporto AJAX integrato con la possibilità di avere l’IntelliSense (cioè il completamento automatico nella scrittura del codice) per Javascript nonché il debugging del codice e l’utilizzo della libreria non proprietaria JQUERY che è diventata parte integrante di ASP.NET AJAX. Altra importante novità introdotta è la possibilità di gestire l’history del browser che, come sappiamo, in applicazioni che fanno uso di AJAX perde parte della propria funzionalità, in quanto le operazioni vengono eseguite sempre sulla stessa pagina. Questo è possibile, indipendentemente dal browser utilizzato, attraverso una gestione manuale dei vari passaggi di stato della nostra applicazione.

Internet Explorer 8 Beta 2

E’ stata rilasciata una versione beta di Internet Explorer 8 che offre un sacco di novità rispetto alla versione precedente e un rigoroso rispetto degli standard forniti dal W3C, quali per esempio CSS 2.1 e il futuro HTML 5. Il nuovo motore di rendering aggiunge una funzionalità chiamata Document Compatibility che permette di pilotare il proprio comportamento in modo da poter visualizzare correttamente anche siti che non rispecchiano gli ultimi standard. Ecco quali sono le principali novità di IE 8 dedicate agli sviluppatori:

  • developer toolbar: questa toolbar (tipo l’estensione FireBug per Firefox) è ora parte integrante del browser e permette per esempio di analizzare il DOM (Document Object Model) delle pagine web e di avere un avanzato aiuto per Javascript.
  • Accelerators: sono delle funzionalità, suddivise per categoria, che permettono di semplificare operazioni a livello di intera pagina web o di singolo elemento. L’utente ha la possibilità di installare gli Accelerator dai siti web che li forniscono. Un Accelerator a livello di pagina permetterà ad esempio di tradurre l’intero contenuto della pagina web che stiamo visitando con un singolo click del mouse, mentre quello delle mappe, una volta selezionato un indirizzo, ci aprirà al volo una mappa di Live Maps o Google Maps. Un Accelerator collegato ad un sito di Social Networking ricercherà per noi il nome di una persona all’interno degli utenti registrati.
  • Web slices: create da chi sviluppa siti e pagine web, permettono di marcare parti delle pagine web come “attive”. Tramite un meccanismo simile a quello dei feed RSS, quando gli utenti navigano in un sito web in cui sono presenti delle Web Slices vengono notificati da un’icona attraverso la quale si effettua la sottoscrizione, che da quel momento diventa disponibile nella barra dei link e viene aggiornata in modo automatico dal sistema, in base all’intervallo di tempo definito dall’utente. Questa novità per esempio può permettere ad un utente di tenere sempre sotto controllo la situazione meteo della propria città oppure il prezzo di un prodotto di interesse all’interno di un sito di e-commerce.

 

Silverlight 2.0

Silverlight (è uscita da poco la versione definitiva) è una nuova tecnologia che permette di inserire contenuti multimediali nelle pagine web, come Flash, e offre una piattaforma pensata per sviluppare applicazioni multi-browser e multipiattaforma. Nella sessione dedicata a Silverlight sono stati presentati il modello di programmazione e i tools per sviluppare in modo efficace, è stato spiegato l’uso dello XAML per la definizione dell’interfaccia utente (utilizzato in modo più ampio da WPF per le applicazioni client), e del codice .NET, con cui è possibile avere accesso a una ricca di serie di API per il Networking, il binding dei dati, la manipolazione dell’XML, l’accesso a componenti multimediali e altri aspetti che servono per realizzare un’applicazione web moderna.

Entity Framework e Dynamic Data

Con l’SP1 viene introdotta una nuova modalità di accesso ai dati, chiamata Entity Framework (utilizzabile sia per applicazioni web che client), che permette di mappare una serie di tabelle di un data base in un efficace modello ad oggetti o entità concettuali.
Altra importante novità sono i Dynamic Data: una sorta di framework che permette la realizzazione in tempi brevi di un’applicazione web dedicata alla manutenzione di una sorgente dati.

Altre sessioni molto interessanti sono state: quella dedicate alle novità introdotte in SQL Server 2008, che riguardano principalmente la possibilità di trattare nuovi tipi di dati e di passare alle stored procedure un parametro di tipo tabella, quella dedicata a WPF (Windows Presentation Foundation), che mostrava come realizzare la nuova generazione di applicazioni client e quella relativa al nuovo Framework MVC di ASP.NET, ancora in versione non ufficiale, che offre una valida alternativa alle web form di ASP.NET.

In conclusione posso dire che è stata una giornata molto intensa ma anche molto interessante; i vari interventi si sono svolti dalle 9 fino alle 22 inoltrate, lasciando qualche piccola pausa tra l’uno e l’altro. Le informazioni acquisite e gli spunti offerti dai vari speaker sono state veramente tanti, non mi resta che trovare un po’ di tempo per provare queste nuove tecnologie.

Per voi quali sono le più interessanti?