10 maggio 2010 Enrico Pavan

Migliorare la user experience con Google WebSite Optimizer

Ogni sito ha delle pagine che sono più strategiche delle altre, pagine che sono particolarmente importanti nell’accompagnare l’utente verso la conversione.

Pensiamo alle landing pages delle campagne di keyword advertising, che hanno il compito di accogliere gli utenti sul sito, oppure alla pagina del pagamento che ha il difficile compito di convincere l’utente a inserire il numero della carta di credito.

I dati della web analytics ci aiutano a capire se queste pagine svolgono bene il loro dovere o meno ma spesso non ci aiutano nel capire i motivi dell’insuccesso.

A tal scopo possiamo ricorrere all’A/B testing e al MultiVariate testing. Si tratta di due tecniche che consistono nel presentare agli utenti del sito, in modo casuale, due o più versioni di una stessa pagina per capire quale garantisce le performance migliori. In questo modo si ottengono i dati necessari per costruire la struttura della pagina in modo tale che soddisfi le esigenze della maggior parte degli utenti che vi atterrano.

Google WebSite Optimizer è una piattaforma gratuita che permette di realizzare in modo semplice e veloce degli A/B testing e MultiVariateTesting sul proprio sito. Tra le due, la forma di testing più semplice è l’A/B, che consiste nel presentare agli utenti due o più versioni di una stessa pagina.

Google WebSite Optimizer

Il MultiVariate Test è invece una forma di testing più evoluta: vengono individuate alcune sezioni della pagina da testare e per ciascuna vengono identificate delle varianti (ad esempio, per la call to action “Clicca qui” vengono identificate delle varianti “Acquista al prezzo più basso”, “Acquista senza spese di spedizione”, “Procedi con l’acquisto”).

Google Optmizer si occupa di presentare agli utenti le diverse versioni della pagina, combinando le possibili varianti di diverse sezioni. Il risultato è la selezione delle combinazioni che garantiscono la miglior performance.

La forza di Google WebSite Optimizer risiede nel migliorare la user experience sulla base delle preferenze degli utenti stessi: sono loro a “decidere” quale sia la pagina migliore che garantisce la più elevata conversion rate.

Inoltre, grazie alla possibile integrazione di Google WebSite Optimizer con Google Analytics è possibile elaborare analisi altamente competitive ed orientate alla massimizzazione delle conversioni. Il campo di applicazione di questo strumento è molto vasto, ma principalmente viene utilizzato in presenza di campagne advertising per evitare inutili sprechi di budget e massimizzare, quindi, l’investimento.

Per approfondimenti o richieste particolari contattaci a googleanalytics@tsw.it