Design per le Esperienze

La sezione descrive in cosa consiste e come si realizza la co-creazione dei contenuti a qualunque livello.

Anno 2019, capitolo II: L’incontro
Secondo capitolo della trilogia che vede protagonista il professore John Smith, docente della facoltà di Psicologia dei Processi Cognitivi alla Boston University. L’arrivo a Milano assieme a Fred Livingstone, e l’incontro con Ludovico Macchi.
42' di lettura
L’importanza della coerenza visiva nella comunicazione
La comunicazione visiva ovvia al divario tra ciò che i brand dicono di essere, quello che sono realmente, e ciò che le persone captano.
3' di lettura
Customer Journey Map: la ricerca qualitativa per capire il percorso delle persone, e i loro moment of true
Customer Journey Map, strumento per fare ricerca qualitativa e definire l’esperienza globale dell’utente; identificare i moment of true.
3' di lettura
Homo Libertus
La strada per riacquistare la libertà decisionale, il libero arbitrio, nel vivere la propria vita, passa per una presa coscienza di un problema, chiamato deprivazione dell'io culturale e assoggettamento a tre stati sociali che si pongono al disopra dello strato più basso, il popolino.
4' di lettura
Customer experience e fashion e-commerce: anche i grandi brand di lusso scelgono il punto di vista delle persone
I brand di lusso sono sempre più attenti a realizzare esperienze basate sull’ascolto e sulla centralità delle persone con l’obiettivo di comprendere a fondo le loro aspettative ed esigenze durante l’intero processo d’acquisto.
2' di lettura
Come organizzare il mare dell’informazione e creare valore con le persone: Luca Rosati ce lo racconta in TSW
La proliferazione di canali e dispositivi ha generato una frammentazione dell’informazione: la risposta a questa frammentazione sta nelle relazioni.
1' di lettura
Anno 2019, capitolo I: Il viaggio
Ognuno di noi oggi è connesso quotidianamente in svariate storie a puntate, nella vita, e nello schermo, da cui una fusione tra l’essere protagonista virtuale e l’essere protagonista reale, in una amalgama percettiva che impostiamo a nostro piacimento dando dinamismo alla linea di demarcazione oltre la quale si entra in gioco.
28' di lettura
Il Manifesto della Sesta W
TSW è The Sixth W, e ci siamo. Abbiamo capito che La Sesta W è WITH e che significa con le persone, e ci sta.
4' di lettura
TAG: UX e UI retail analysis ricerca qualitativa marketing antropologico The Sixth W approach content strategy CRO user testing digital marketing analisi esperta osservazione partecipata neuromarketing eye tracking test usabilità social media advertising SEO experience design customer journey analytics brand perception product and service design