Journal

Perché un journal?

Perché un journal è scritto da persone per altre persone ed è un luogo in cui la nostra voce acquisisce volume e può farsi sentire da tutti.
È un luogo che accoglie lo sguardo di ciascuno di noi, le diverse prospettive, i differenti modi di interpretare la realtà. Non esiste un unico punto di vista, ma tante visioni diverse con un unico obiettivo: raccontare le persone, i loro modi di vivere, i loro mondi.
Le diverse qualità delle esperienze declinate in 6 sezioni: Laboratori delle esperienzeRicerca sulle esperienzeDesign per le esperienze, Esperienze nei progetti, Marketing con le esperienze e ovviamente un Archivio con tutta la nostra storia.

SEO: più facile o più difficile?
Fare SEO è più facile o più difficile, rispetto a qualche anno fa? In questo post, qualche riflessione sull'argomento.
3' di lettura
Come essere sempre aggiornati: i feed RSS
Oggi vorrei rivolgermi a chi non conosce e non utilizza ancora i feed RSS, spiegando perché possono essere molto utili nel lavoro, ma non solo.
2' di lettura
Hijack 302 dopo il Big Daddy: a volte ritornano
Le ragioni per le quali Google ha dato vita al Big Daddy sono state diverse. Tra le più importanti è stata porre fine ai problemi delle redirezioni, come hijack 302.
4' di lettura
Un SEO specialist o tanti superspecialisti?
Il search engine marketing non è più affare del webmaster, ma servono competenze trasversali. Il post parla del lavoro del SEO e delle varie specializzazioni per un team SEO ideale.
2' di lettura
Il reperimento delle informazioni sul Web: dalle keyword alle reti semantiche
Questo post affronta la stretta correlazione che c'è tra le reti semantiche e l'analisi delle parole chiave, basandosi sui bisogni di informazione degli utenti.
3' di lettura
SES Milano 2006: impressioni e commenti
Apro un post collettivo per riportare le nostre impressioni e i commenti sul SES di Milano. Inizio io, dicendo che l’impressione che ho avuto è stata positiva.
2' di lettura
Eyetracking: la forma della lettura su web
In un recente studio sull’eyetracking apparso su useit di Jakob Nielsen, vengono presentati i risultati sul comportamento di 232 utenti osservati durante la consultazione di migliaia di pagine web.
1' di lettura
TAG: eye tracking test usabilità social media advertising SEO experience design customer journey analytics brand perception product and service design UX e UI retail analysis ricerca qualitativa marketing antropologico The Sixth W approach content strategy CRO user testing digital marketing analisi esperta osservazione partecipata neuromarketing